Close
Contatti: info@sciencecenter.it


Percorsi disciplinari


Ambiente

– L’uomo e l’ambiente: con alcun esperimenti e attività laboratoriali gli alunni verranno accompagnati nello studio della complessa interazione tra uomo e ambiente. Verranno studiate ed analizzate la principali caratteristiche del suolo, dell’aria e dell’acqua.

– L’inquinamento: tutte le attività umane rilasciano nell’ambiente sostanze più o meno nocive. In questo laboratorio si studieranno i metodi per analizzare le principali sostanze inquinanti. Verranno illustrate alcune buone pratiche per diminuire impatto dell’azione antropica sull’ambiente.

– La flora e la fauna del Friuli Venezia Giulia: i ragazzi saranno guidati alla scoperta della flora e della fauna della nostra splendida regione. Con una lezione multimediale si scopriranno le caratteristiche di molti esseri viventi con particolare attenzione alle specie tipiche e autoctone dei nostri ambienti.

– Gli ecosistemi: capire l’interazione tra esseri viventi e ambiente e fondamentale per capire quanto delicato sia questo equilibrio. Con esempi, filmati e una lezione interattiva, i ragazzi potranno scoprire come fattori biotici ed abiotici siano fortemente legati tra loro.

– Il fosso: descrizione dell’ambiente con una lezione multimediale. Verranno presentati gli animali e i vegetali che abitano questo curioso ambiente.

– Il prato: descrizione dell’ambiente con una lezione multimediale. Verranno presentati gli animali e i vegetali che abitano questo curioso ambiente.

– Il bosco: descrizione dell’ambiente con una lezione multimediale. Verranno presentati gli animali e i vegetali che abitano questo curioso ambiente.

Astronomia

– Alla scoperta del Sistema Solare: i ragazzi saranno accompagnati in un viaggio nel Sistema Solare.

– Dante e la cosmologia: il laboratorio intende avvicinare i ragazzi alla Divina Commedia permettendo loro di scoprire e approfondire le teorie e le conoscenze astronomiche e cosmologiche tipiche dell’epoca medioevale.

– A spasso tra i pianeti: i ragazzi saranno guidati alla scoperta dei principali oggetti del Sistema Solare. In base all’età degli alunni si può associare un’attività pratica/motoria: girotondo dei pianeti (i ragazzi saranno coinvolti in un gioco motorio in cui si rappresenta il Sistema Solare) oppure costruiamo il nostro sistema solare (durante l’esperienza verrà realizzato dagli alunni un modello del Sistema Solare da tenere in classe).

– L’esplorazione spaziale: il sogno di ogni ragazzo è quello di fare l’astronauta… bene in questo laboratorio entreremo in una vera e propria missione spaziale. Tra razzi, moduli spaziali e robot esploratori cercheremo di capire come si progetta una vera missione nello spazio.

– Sistema Sole-Terra-Luna: che rapporto c’è tra il Sole, la Terra e la Luna? Attraverso modelli in scala, filmati e immagini cerchiamo di spiegare questo stretto legame.

– Astroquiz: un gioco a squadre condurrà gli alunni ad approfondire le tematiche riguardanti stelle, pianeti e asteroidi.

Biologia

– Micromondi: partendo dallo studio di come è fatto un microscopio, compiremo un viaggio alla scoperta del mondo microscopico che ci circonda.

– La cellula: colorare, osservare, confrontare: mettiamo sotto la lente il regno vegetale, animale e dei funghi per scoprire come cambiano le cellule in diversi ordini di grandezza. Attraverso un gioco e molteplici osservazioni gli studenti potranno imparare a riconoscere le varie funzioni degli organelli cellulari.

– Dalla cellula ai tessuti: partendo dalle estrazione di cellule animali e vegetali vive ci si addentrerà nel fantastico mondo dell’organizzazione cellulare.

– La genetica: attraverso l’osservazione diretta della natura potrai scoprire come animali e piante abbiano acquisito straordinarie forme, variopinti colori ed eccezionali comportamenti col preciso scopo di sopravvivere nel loro ambiente naturale; potrai stupirti delle diverse modalità sviluppate dalle specie animali per prendersi cura della prole e di come i maschi di molte specie abbiano adottato le più elaborate tecniche di corteggiamento per “fare colpo” sulle loro compagne. E ancora: sassi fioriti, animali corazzati, insetti foglia… Potrai fare esperienza di tutto questo letteralmente toccando con mano i protagonisti di questo racconto della natura.

– Lo scheletro: osservazione dei tessuti ossei umani e semplici esperimenti sulla composizione chimica delle ossa, giochi e quiz finalizzati a riconoscere i nomi delle ossa che compongono l’apparato scheletrico umano.

– Gli organi del corpo umano: una lezione interattiva accompagnerà gli alunni all’interno del corpo umano. Un gioco permetterà loro di fare ordine all’interno di un “assistente” un po’ sbadato e piccoli esperimenti permetterà loro di capire come funziona il corpo umano.

– Manteniamoci in salute: a richiesta si organizzano incontri con esperti del settore della prevenzione e della salute. Si possono trattare i seguenti aspetti: la corretta alimentazione, i disturbi del comportamento alimentare, le droghe, l’alcool, il fumo e il tabagismo.

– La selezione naturale: le teorie dei padri dell’evoluzionismo, l’osservazione di forme di vita unicellulari e più complesse. Un percorso che vi aiuterà a conoscere le modalità con cui la vita si evolve.

Botanica

– Alla scoperta del mondo vegetale: partendo dall’osservazione microscopica dei diversi tessuti vegetali si indagherà il funzionamento delle radici, del fusto, delle foglie e degli apparati riproduttivi.

– Clorofilliamo: un viaggio all’interno del funzionamento dei cloroplasti. Come fanno le piante a produrre da sé tutta l’energia di cui hanno bisogno per vivere? Con esperimenti ed esperienze dirette si scoprirà come avviene la fotosintesi clorofilliana.

– Il frutto e il seme: i fiori e i frutti portati dai ragazzi verranno sezionati per osservarne i componenti e tracciare il percorso di trasformazione dal fiore al frutto. Particolare attenzione verrà data all’impollinazione e ai principali agenti responsabili di tale processo.

– Riconoscere le piante: nel corso dell’attività si imparerà a riconoscere le specie vegetali più comuni dei nostri ambienti evidenziando le loro strategie di adattamento all’ambiente.

– Archivi verdi: come realizzare un erbario: l’attività permettere di capire l’importanza degli erbari scientifici, di imparare le tecniche di realizzazione e la conservazione di una raccolta di piante essiccate.

– Il mini orto: portare un orto in aula: con questa attività si imparano le basi per coltivare le piante approfondendo le conoscenze botaniche. L’attività prevede la realizzazione di un orto in cassetta.

– L’età degli alberi: attraverso la lettura di brani tratti da importanti testi di narrativa, si porterà l’alunno a conoscere le  principali caratteristiche degli alberi che popolano i boschi del Friuli Venezia Giulia. Con l’uso di particolari strumenti si analizzeranno i tronchi di alcuni alberi al fine di determinare gli anni degli esemplari.

Chimica

– La chimica e il laboratorio di chimica: entriamo in un vero laboratorio di chimica e consociamo tutti gli strumenti e le importanti norme di sicurezza. Utilizzando vero materiale da laboratorio i ragazzi potranno diventare dei veri chimici per un giorno.

– Le basi della chimica generale: accompagnati da Antoine-Laurent de Lavoisier in persona cercheremo di comprendere i fenomeni chimici legati all’utilizzo di sostanze di uso quotidiano. Gli argomenti trattati comprendono le principali leggi della chimcia.

– I fenomeni chimici: quali sono i meccanismi molecolari che regolano il cambiamento di colore associato ad alcune reazioni chimiche? L’attività prevede la sperimentazione e la comprensione delle più colorate reazioni chimiche (precipitazioni, complessazioni, cambiamento di colore degli indicatori acido-base, ossidoriduzioni…).

– Alla scoperta della chimica: un percorso alla scoperta del mondo della chimica tra racconti, osservazioni ed esperimenti. Un sorprendente viaggio alla scoperta di composti e reazioni capace di affascinare grandi e piccoli.

– La chimica organica: come utilizziamo nella nostra vita quotidiana sapone, ammoniaca, bicarbonato e aceto? Confrontiamo diversi metodi per misurare il pH e scopriamo le proprietà di queste sostanze.

– I fenomeni fisici e i fenomeni chimici: sapreste distinguere un fenomeno fisico da uno chimico? Bene in questo laboratorio ci proviamo utilizzando un ambiente un po’ strano: la cucina.

– L’elettrochimica: si può usare un limone per far funzionare un orologio? Con rame, zinco, acqua e sale costruiamo una pila e scopriamo come funziona. Quanta chimica c’è dentro le batterie che usiamo tutti i giorni? Costruiamo una pila per scoprire come funziona e utilizziamola per scomporre l’acqua in idrogeno e ossigeno.

Fisica

– La fisica: il comportamento della materia nei suoi stati più noti e in quelli meno conosciuti. Dai reticoli cristallini ai gas reali, dal plasma alle più familiari soluzioni, parlando di temperatura, pressione, atomi e molecole.

– Il calore e la temperatura: le attività di questo percorso si propongono di costruire i concetti-base dei fenomeni termici insieme a competenze sperimentali con l’obiettivo di aggredire le difficoltà note d’apprendimento. Partendo da fenomeni quotidiani e realizzando poi esperienze quantitative si lavora con i concetti di sistema, equilibrio termico, temperatura, calore, trasformazione. Le attività utilizzano strumentazione tradizionale (termometri, thermos, cronometri, ecc.) e sensori di temperatura più complesse.

– Le forze: partendo dall’idea del “fare forza” come oggetto di esperienza percettiva e cognitiva, si gioca per riconoscere le azioni di vita quotidiana nelle quali si esercitano delle forze. Si eseguono esperienze allungando e schiacciando molle, lanciando carrelli e facendo dondolare dei pendoli, e si discute su ciò che i ragazzi “vedono” o “sentono” in varie situazioni sviluppando così la capacità di descrivere i fenomeni osservati in termini delle leggi della meccanica.

– I tre stati della materia: nel percorso, lavorando con oggetti di uso comune, con sorgenti di calore, con termometri e sonde collegate al computer si rivisitano i fenomeni termici, mirando ad una riorganizzazione dei modi di pensare e di descrivere fatti di realtà, imparando a distinguere tra calore e temperatura e a caratterizzare materiali e sistemi in base alla capacità di scambiare calore e alla velocità ed efficienza del trasferimento.

– I fluidi: perché le navi galleggiano mentre i sassi affondano? Cosa succede se mescoliamo liquidi diversi? Scopriamo comportamenti e caratteristiche dei liquidi giocando con le loro densità. Confrontiamoci con il principio di Archimede, con i vasi comunicanti e con la pressione.

– I moti: partendo dalla fenomenologia quotidiana e utilizzando concetti legati al senso comune, si mira a rendere plausibili i principi della meccanica newtoniana. Con dinamometri a molla e trasduttori in linea al calcolatore vengono proposti esperimenti qualitativi e quantitativi che permettono di aggredire difficoltà note di apprendimento relative al concetto di forza, alla composizione vettoriale, all’utilizzo dei tre principi.

– Luci, ombre e immagini: il percorso si propone di mettere in evidenza in modo sistematico fenomenologie di base quali: la propagazione rettilinea, l’assorbimento, la riflessione, la diffusione, la dispersione, la rifrazione, la composizione dei colori. I ragazzi lavorano su tavoli dotati di sorgenti puntiformi ed interpongono al “cammino della luce” materiali differenti come lastrine trasparenti, riflettenti, colorate, ecc.

– L’elettricità: cariche elettriche, correnti, onde radio. Dopo una lezione introduttiva sulle principali leggi che regolano il mondo dell’elettricità, vengono proposti una serie di esperimenti dove gli alunni possono scoprire quali elementi si usano negli impianti elettrici e negli elettrodomestici, come si realizza un vero impianto elettrico domestico.

– Magneti: Si parte dall’osservazione degli effetti prodotti dalla corrente in un circuito elettrico. Utilizzando bussole, generatori, amperometri, ecc. si realizzano esperimenti che riguardano la legge di Biot e Savart, l’interazione tra correnti, tra correnti e magneti, l’induzione magnetica. Si analizzano le applicazioni negli apparecchi e congegni (trasformatore, elettrocalamita ecc.) di uso comune.

– L’energia: cosa si intende quando si parla di fonti e consumi di energia? Come e da dove arriva l’energia che utilizziamo ogni giorno? Scopriamo come produrla e come utilizzare fonti rinnovabili, come trasferirla e accumularla in modo efficiente e cosa significa metterla in rete.

– La corrente elettrica: il percorso parte dalla costruzione di circuiti resistivi con l’uso di batterie e di lampadine in diverse configurazioni in serie e in parallelo. Poi si analizzano gli stessi circuiti con amperometri e voltmetri e si indaga la relazione tra tensione e corrente, la relazione tra la resistenza e i parametri geometrici di un filo conduttore, l’effetto Joule. Il percorso mira alla integrazione tra concetti-base e abilità operative che possono risultare utili in molti campi.

– Le nuove frontiere dell’energia: in linea con la strategia 20-20-20 gli alunni potranno sperimentare tecnologie alternative per la produzione di energia pulita. Si procederà alla realizzazione di un vero pannello solare termico che poi potrà essere utilizzato in aula.

– Laboratorio di pneumatica: attraverso la costruzione di un semplice circuito pneumatico costituito da tubi, valvole e pistoni, gli alunni potranno confrontarsi con i concetti di forza e pressioni.

– Laboratorio di meccanica: dopo la visita ad una vera e propria officina meccanica con tanto di frese, saldatori, torni e macchine per il controllo numerico, i ragazzi andranno a realizzare un piccolo manufatto metallico con le loro mani.

– Laboratorio di elettrotecnica: partendo dalla realizzazione di un piccolo circuito elettrico gli alunni impareranno le tecniche d’uso della corrente elettrica per scopi civili e soprattutto le norme di sicurezza che ogni buon cittadino deve conoscere.

Geologia

– Alla scoperta dei minerali e delle rocce: a partire dall’osservazione di campioni di roccia, si riconoscono i diversi minerali che li compongono. Successivamente gli studenti ricostruiscono i modelli dei reticoli che determinano la forma dei cristalli. Utilizzando il microscopio si osserverà la struttura cristallina.

– Minerali, rocce e fossili: le rocce presentano una incredibile varietà di aspetti strutture e forme. In quest’attività gli studenti, riuniti in piccoli gruppi, esaminano campioni di rocce prelevate in diversi luoghi e apprendono i criteri di classificazione delle rocce stesse.

– Alla scoperta del pianeta Terra: com’è fatto il nostro pianeta? Quali sono le forze che regolano il nostro pianeta? Cerchiamo di rispondere a queste domande con una lezione molto interattiva.

– Vulcani e terremoti: i meccanismi di risalita del magma, lo svuotamento della camera magmatica, la deformazione del suolo che precede l’eruzione, la formazione di una caldera attraverso una serie di piccoli esperimenti per scoprire la natura del vulcanismo, uno dei fenomeni più spettacolari del nostro pianeta. Un secondo percorso è dedicato alla distribuzione dei terremoti nel mondo in riferimento alla teoria della tettonica delle placche, alla propagazione delle onde sismiche, alla definizione del significato di magnitudo.

– Il paesaggio naturale: il paesaggio che vediamo intorno a noi è il frutto dell’incessante azione di forze come il vento e l’acqua. Attraverso degli esperimenti di laboratorio e alcune osservazioni dirette cerchiamo di capire come cambia il nostro mondo.

Matematica

– Il fantastico mondo di Rubik: cerca di risolvere il cubo di Rubik. Imparerai l’algoritmo che sta alla base di questo simpatico rompicapo.

– In viaggio con Pitagora: una serie di interessanti quesiti matematici risolti con la metodologia del coperative learning.

Meteorologia

– La stazione meteo: che cos’è la meteorologia? Cosa fa il meteorologo? Risponderemo a queste e ad altre domande studiando dal vivo il materiale che compone una stazione meteo.

– Osserviamo, misuriamo e prevediamo: con in mano gli strumenti meteo andiamo a misurare le principali variabili meteo. Tra misurazioni, osservazioni, esperimenti e giochi cercheremo di capire che tempo farà nei prossimi giorni.

Robotica

– Lo zoo dei robot: il laboratorio ha lo scopo di far conoscere il mondo degli animali attraverso l’uso di particolari robot didattici che riproducono alcuni comportamenti di farfalle, serpenti, vermi, cani, ragni, pipistrelli. Gli spettatori saranno invitati a riscoprire questi animali osservando il comportamento dei robot.

– Robotica creativa: spesso pensiamo che la scienza sia separata dal mondo dell’arte e della creatività, ma arte e creatività sono necessarie nel processo di realizzazione della tecnologia. Questo laboratorio parte dal disassemblaggio di tecnologie in disuso e mira alla realizzazione di piccoli robot artistici partendo dai pezzi appena smontati.

– Ciao robot: è un laboratorio dedicato all’immaginazione delle conseguenze etiche, legali e sociali della robotica, il tutto supportato dalle suggestive immagini del documentario prodotto da Scuola di Robotica: Ciao Robot. I video esclusivi mostreranno lo stato dell’arte della robotica e di come ne immaginiamo gli sviluppi. Un esperto guiderà la visione del video, al cui termine verrà proposto un lavoro di gruppo.

– Enigma dei robot: come funziona un vero robot? Quali sono le logiche di programmazione di robot apparentemente semplici ma con software complessi? Partendo dall’osservazione di piccoli robot autonomi i ragazzi dovranno ipotizzarne il funzionamento.

– Robot story: qual è la vera storia della robotica? Quali sono le reali origini tecniche di questa disciplina? Robot Story sarà un viaggio fra le fontane di Versailles, i primi robot autonomi degli anni 20, fino ad arrivare ai robot industriali e ai robot che esplorano lo spazio.

– Piccoli robotici crescono PLUS: costruire un robot funzionante è il sogno di ogni ragazzo. Grazie a dei piccoli kit didattici (LEGO MINDSTORMS Education NXT) e all’assistenza dei tutor del Bearzi gli studenti potranno costruire dei piccoli robot programmabili.

– Robot e l’esplorazione spaziale: utilizzando i dati cartografici di Marte, proviamo a programmare la missione di un robot perché esplori la superficie del pianeta alieno.

– Robot al pigreco: laboratorio legato allo studio della matematica e della fisica. Attraverso brevi esperienze si condurranno gli alunni allo studio delle principali variabili che descrivono il moto. Progettando un piccolo percorso da far compiere al robot si illustreranno alcuni principi matematici e geometrici.

– Macchine inutili: i robot sono macchine. Ma a che cosa servono le macchine, quali sono? Dopo aver parlato della realtà, gli studenti si lanceranno in una sfida alla loro fantasia: creare macchine inutili e impossibili proprio come faceva Munari. Macchine per generare arcobaleni, macchine per creare il profumo del caffè alla mattina, …, macchine create realmente con pezzi di LEGO che poi andranno corredate di un vero e proprio manuale di istruzioni disegnato dagli studenti.

Storia della scienza

– Leonardo e le sue macchine: Il volo, le macchine da guerra e da cantiere, gli strumenti di misura e e conosciamo la figura di Leonardo attraverso i suoi disegni e i suoi studi.

– Galileo e i suoi esperimenti: attraverso l’uso degli strumenti inventati da Galileo Galilei scopriamo la figura di questo grande scienziato che ha rivoluzionato il mondo con il suo pensiero.

Zoologia

– Alla scoperta del mondo animale: una serie di attività e di esperimenti guiderà gli alunni all’interno del mondo animale. Partendo dall’osservazione della cellula animale si potranno studiare le complessità di questo regno.

– L’attrezzatura del naturalista: l’incontro è dedicato alla costruzione dell’attrezzatura per le ricerche naturalistiche (retini e aspiratori per la cattura di insetti, cassette entomologiche, ecc.).

– Il mondo del lombrico: il laboratorio prevede lo studio dell’incredibile vita dei lombrichi.

– Gli insetti: gli artropodi hanno colonizzato tutti gli ambienti della Terra, anche i più inospitali. Studiare i loro cicli vitali, le loro forme e i loro adattamenti è un’occasione unica per capire meglio il nostro pianeta.

– Le api: questi insetti utili e laboriosi hanno da sempre attirato l’interesse dell’uomo. Con l’aiuto di esperti apicoltori “entreremo” in un’arnia e cercheremo di capire più da vicino la struttura di questa società.

– I bachi da seta: molti decenni fa il Friuli era uno dei luoghi con la più alta concentrazione di bachi da seta in Italia. Attraverso osservazioni dirette, testimonianze del passato e alcune immagini verrà presentata agli alunni l’avventura della seta.

– Gli intrusi: identikit dei più pericolosi e ripugnanti insetti che infestano le nostre case.

– Gli animali e gli ecosistemi: ogni animale occupa un suo preciso posto all’interno del suo habitat. Obbiettivo di questo laboratorio è quello di scoprire la nicchia ecologica degli animali tipici della nostra zona.

– Gli animali e l’uomo: il laboratorio è dedicato alla stretta relazione tra uomo e animali. Con una lezione multimediale gli alunni verrano guidati alla scoperta di questo rapporto.



Percorsi interdisciplinari


– L’acqua: l’acqua è un elemento con cui si acquista familiarità sin da piccoli, sperimentando e scoprendo alcune delle sue proprietà. Nel corso dell’attività, attraverso giochi ed esperimenti, si indagano i comportamenti dell’acqua, confrontandoli con quelli di altri liquidi, e cercando regole che esplicitino e colleghino comportamenti apparentemente diversi alla stessa proprietà.

– L’aria: durante l’attività i ragazzi svolgono semplici esperienze alla scoperta delle proprietà dell’aria: l’aria occupa uno spazio che può variare al variare della pressione e della temperatura, l’aria spinge, l’aria ha un comportamento elastico e fa rallentare gli oggetti in moto. Con l’uso di siringhe, contenitori sotto vuoto e una pompa da vuoto si osserverà cosa succederebbe se non ci fosse l’aria.

– Il suolo: il laboratorio è dedicato alla scoperta e all’analisi delle principali caratteristiche del suolo. Utilizzando campioni prelevati dagli stessi studenti, si analizzeranno la porosità, la granulometria e altre proprietà tipiche.

– I diorami: un diorama è un’ambientazione in scala ridotta che ricrea scene di vario genere. Fra gli utilizzi più diffusi dei diorami i principali sono quello ad uso tecnico, soprattutto ingegneristico ed architettonico ma anche naturalistico. Con l’aiuto del personale del Science Center, gli alunni potranno realizzare un vero e proprio diorama.

– Satelliti artificiali e missioni spaziali: avete mai pensato quanti oggetti artificiali siano presenti nello spazio? Migliaia, e per l’uso più diverso. Attraverso una serie di filmati, immagini e documentari cercheremo di capire come l’uomo abbia fatto a raggiungere altri pianeti e come faccia a lanciare in orbita dei degli oggetti spaziali.

– Dal polline al miele: partendo dallo studio del fiore e della relazione tra piante e api, si indagherà il modo in cui questi piccoli insetti producono il miele. A richiesta si potranno effettuare anche degli assaggi di prodotti apistici.

– Di chicco in chicco: esaminando i chicci dei vari cereali si arriva a riconoscere i cibi che contengono i cereali (anche attraverso il loro assaggio). Ampio spazio verrà dedicato all’aspetto storico e geografico.

– La piramide alimentare: riconosciamo i sette gruppi alimentari e impariamone le caratteristiche per combinarli al meglio per ottenere un’alimentazione sana e corretta.

– Proteggiamo la natura: ogni cittadino del mondo dovrebbe impegnarsi per proteggere attivamente la natura. In questo laboratorio gli alunni impareranno a compiere una corretta raccolta differenziata e realizzeranno dei piccoli rifugi per animali (nidi, mangiatoie e tane per ricci).

– Scratch: Scratch è un linguaggio di programmazione che rende semplice creare storie interattive, animazioni, giochi, musica e arte. Quando i ragazzi creano e condividono i loro progetti con Scratch, imparano importanti idee matematiche e computazionali e allo stesso tempo imparano a pensare creativamente, a ragionare con sistematicità e a lavorare in modo collaborativo.